Festival Of The Week: Brescia Photo Festival

Immancabile (o quasi) il nostro appuntamento dedicato al Festival of the week che questa settimana farà felicissimi tutti gli appassionati di fotografia. Sto parlando del Brescia Photo Festival e se mi date un minutino vi racconto qualcosa di più.

Il 7 marzo è stata inaugurata la primissima edizione di questo festival, promosso e organizzato dalla Fondazione Brescia Musei e dal Macof-Centro della fotografia italiana, con il sostegno di Comune di Brescia e MO.CA, il quale punta ad inserirsi tra gli eventi mondiali dedicati alla fotografia partendo da un tema generale diverso in ogni edizione. Purtroppo dura solo finao al 12 Marzo, ma quello di quest’anno è People, ovvero un omaggio alla fotografia che pone al centro del suo obiettivo le persone, la gente, la collettività ovvero una raccolta ai diversi racconti fotografici sull’esperienza umana in questo nostro pianeta ma anche una riflessione sul concetto di noi e l’altro tra presente e passato suddiviso in sezioni: Le grandi mostre, Il festival in città e Incontri con i fotografi. Per quanto rigurda più da vicino la sezione delle mostre,  allestite tra il Museo di Santa Giulia, Macof e Camera di Commercio, molte delle quali visitabili anche nei mesi successivi al festival, noi vi segnaliamo alcune di queste anche se ognuna di esse merita il vostro sguardo ma non possiamo sempre dirvi tutto noi.

La prima selezionata non poteva non essere che Leggere, una serie di scatti realizzati dallo straordinario fotografo americano Steve McCurry dedicati ai lettori incontrati durante le sue spedizioni in zone di guerra e nei suoi viaggi tra le città del mondo, un documentario straordinario che sottolinea ancora una volta la sensibilità di questo fotografo che non smette mai di stupire. La seconda mostra inserita nel calendario degli appuntamenti del festival che vi suggeriamo vivamente di vedere è Magnum’s First, sempre nel Museo di Santa Giulia e visitabile fino al 3 settembre 2017, overo 83 stampe vintage in bianco e nero, restaurate, appartenenti alla mostra “Gesicht der Zeit”, la prima del gruppo Magnum avvenuta tra il giugno 1955 e il febbraio 1956 in cinque città austriache e che portano la firma di Henri Cartier-Bresson, Marc Riboud, Inge Morath, Jean Marquis, Werner Bischof, Ernst Haas, Robert Capa e Erich Lessing. La terza mostra è dedicata al grande fotoreporter italiano Uliano Lucas, uno dei più bravi narratori dei cambiamenti sociali e architettonici del nostro paese attraverso le sue bellissime fotografie in bianco e nero con uno sguardo rivolto verso il nostro presente con un nuovo linguaggio stilistico.

Immigrato sardo davanti al grattacielo Pirelli, Milano, 1968 – Uliano Lucas
Al bar “Il posto delle fragole” nell’ex ospedale psichiatrico, Collina di San Giovanni – Trieste, marzo 1988 – Uliano Lucas
Mario Schifano, Bologna, 1984 – Uliano Lucas
GRENADA. Gouyave. Bar. 1979 – Alex Webb
Erich Lessing
JAPAN. Tokyo. Courtyard of the Meiji shrine. 1951 – Werner Bischof
Sana’a, Yemen, 1997, YEMEN – Steve McCurry

MEXICO. Ciudad Madero. 1983 – Alex Webb
Chiang Mai,Thailand, 12/2012 – Steve McCurry

Destroyed control room, Kuwait City, Kuwait, 1991 – Steve McCurry
BURMA, Daw Aung San Suu Kyi, nonviolent activist and winner of the 1991 Nobel Peace Prize, Rangoon, Burma (Myanmar), 1995 – Steve McCurry

School Girl in Kunduz.Afghanistan – Steve McCurry

 

 

Share:
Eva Di Tullio

Eva Di Tullio

Lascia un commento