Festival of the week: Umbria World Fest

Dal 7 al 9 Ottobre 2016 si svolgerà a Foligno la quindicesima edizione dell’Umbria World Fest, una tre giorni di eventi dedicati alla fotografia e alla musica che secondo noi vale davvero la pena andare a vedere da vicino perché il programma ha molto da offrire tra mostre, workshop e concerti fantastici che abbiamo il piacere di segnalarvi.

Il tema di questa nuova edizione è FLESH & BLOOD – Affari di famiglia, una tematica che sarà la cornice delle sette mostre principali che verranno ospitate sin dal primo giorno del festival fino al 6 novembre nella splendida location del Palazzo Trinci dove verranno esposti i lavori di grandi fotografi internazionali, i quali presenteranno al pubblico i loro progetti fotografici legati al concept che nei loro scatti si manifesta in forme diverse, vedi il progetto fotografico sugli scimpanzé di Gombe di Anup Shah e Fiona Rogers, ma anche i bellissimi scatti di Alain Laboile, Sara Lewkowikcz, Paolo Pellegrin, Andrea Stern, Nicoletta Cotechini restituiscono allo spettatore una visione più complessa del concetto stesso di famiglia attraverso una descrizione fatta per immagini di situazioni e soggetti complessi.

Altre tre mostre saranno poi visibili presso il Foyer Teatro Piermarini dal 7 ottobre al 6 novembre 2016 e riguardano quelle del vincitore 2015 del Premio Miglior Portfolio Umbria Photo Fest e i due lavori insigniti delle menzioni d’onore, ovvero “Io sono Dario” del fotografo Gianluca Abblasio, “Chickens” di Emanuela Colombo e “Somewhere in Somalia there is a little girl called Cardiff” di Simone Sapienza.

Nicoletta Cotechini
Nicoletta Cotechini
Paolo Pellegrin
Paolo Pellegrin

Oltre a segnalarvi questi appuntamenti abbiamo l’onore e il piacere di farvi leggere la nostra mini intervista al Piter Foglietta, il fondatore e presidente dell’Umbria World Fest, le cui risposte ci portano dritti nel cuore dell’organizzazione del festival che vi consigliamo vivamanete di seguire. Non ci resta che augurarvi una buona lettura.

umbria-world-fest

Il festival è giunto alla sua quindicesima edizione. Cosa è cambiato in questi anni?

Il festival è radicalmente diverso, rispetto alla prima edizione. Ad iniziare dal nome, che da Canti e Discanti si è evoluto in Umbria World Fest.
L’idea iniziale era stata quella di creare un Festival musicale, un evento che potesse valorizzare la tradizione musicale italiana, europea, mondiale. Con il tempo abbiamo maturato la consapelvolezza che potevamo aprirci verso nuove direzioni artistiche. Così, dopo 10 anni, e dopo aver ospitato i più importanti musicisti musicisti nazionali ed internazioanli, abbiamo dato vita ad una nuova fase. Più ampia, inclusiva, multiforme. Con l’inserimento delle prime mostre fotografiche, si è venuto a creare sin da questi primi  anni un cartellone complesso ed organico, con una formula, multiculturale e multidiscplinare.

Quest’anno sono presenti a Foligno fotografi, antropologi, studiosi e  artisti, italiani e non, i cui progetti sono tutti legati al tema della famiglia. Perché questa scelta?

Il tema è stato scelto di concerto con Marco Pinna, photo editor del National Geographic, che da due anni è anche direttore artistico della sezione fotografica di Umbria World Fest. La famiglia è sicuramente uno dei topic più discussi da sempre e negli ultimi anni è stata investita da cambiamenti epocali, tali da ridisegnare la stessa coscienza collettiva e le sensibilità più diverse.
Ci è sembrato opportuno,attraverso Umbria World Fest, dare il nostro contributo, arricchire la discussione, favorire un approfondimento maturo, consapevole, laico.

Un consiglio per chi si approccia al festival per la prima volta.

Partecipare alle letture portfolio è forse l’esperienza che più avvicina lo spettatore allo spirito di Umbria World Fest. Si diventa  attori dell’evento e soprattutto si respira l’aria fantastica del palazzo della Fotografia, vero cuore pulsante della manifestazione.

Julia Kent e Asso Stefana, esibizione della scorsa edizione
Uno dei concerti della scorsa edizione
Alain Laboile
Alain Laboile

 

Ginevra Di Marco nell'edizione 2014
Ginevra Di Marco nell’edizione 2014

 

Sara Lewkowikcz
Sara Lewkowikcz

 

Anup Shah&Fiona Rogers
Anup Shah&Fiona Rogers
Share:
Eva Di Tullio

Eva Di Tullio

Lascia un commento