Ieri, oggi e design: la Red-blu o la Malclap?

La storia del Design – intendendo con tale definizione il disegno industriale, quindi la progettazione e la produzione seriale di manufatti – nonostante sia cosa recente annovera già centinaia di prodotti/icone, oggetti che, seppur sconosciuti ai più, ispirano o hanno ispirato le produzioni a venire, anticipando tendenze o semplicemente divenendo manifesto di un movimento culturale ed artistico.

Come, ad esempio, sono stati i prodotti del gruppo Memphis in Italia o come può essere stato il lavoro di Gerrit Thomas Rietveld, la cui opera fu strettamente correlata al codice costruttivo neoplastico di De Stijl.

Gerrit Thomas Rietveld nacque ad Utrecht il 24 giugno del 1888 e fu falegname prima ancora che architetto. Ciò gli rese possibile da un lato approcciare, attraverso un codice tutto personale, alla progettazione di oggetti di arredo libero da condizionamenti di sorta dall’altro di affermare nel contesto dell’architettura europea la tesi razionalistica e neoplastica.

La Red-Blu Chair, dal 1973 prodotta da Cassina, è senza dubbio il  più famoso pezzo di arredamento disegnato da Rietveld e risale, nel suo primo prototipo, al 1917. Successivamente, intorno al 1923, Rietveld ha aggiunto alla poltrona i colori rosso, blu, giallo e nero e apportato alcune modifiche che renderanno unica la sua opera: la  struttura si ottiene per sovrapposizione delle parti e non attraverso la loro compenetrazione.

 

la Red-blu chair
La Red-blu chair disegnata da Rietveld
Ancora la sedia Red-blu prodotta da Cassina.
ancora la sedia Red-blu prodotta da Cassina.

Ed una grande opera è forse meglio ricordarla reinterpretandola in chiave ironica piuttosto che copiarne, inutilmente ed in maniera anacronistica, forme e significati. Sicuramente da questa convinzione è nata la Malclap Chair. “Ogni sedia ne ispira un’altra“, cosi motivano la loro produzione i designer di Mal, Bob Copray e NielsWildenberg con base a Eindhoven, in Olanda.

La Malclap chair disegnata da Mal
La Malclap chair disegnata da Mal

La poltrona di Rietveld si trasforma cosi in una sedia a sdraio la cui struttura in quercia è completata con una seduta in tela resistente all’acqua e ai raggi UV. E’ in edizione limitata: solo 88 pezzi al costo, ognuno, di 499 euro. Circa un quarto di quanto costa la poltrona realizzata da Cassina.

 

Voi, quale scegliereste?

Il nostro Michele ci tiene a saperlo -> PinterestFacebookTwitter

Share:
Michele Emme

Michele Emme

Lascia un commento